Warning: session_start(): Cannot send session cookie - headers already sent by (output started at /home/potenz8/public_html/index.php:1) in /home/potenz8/public_html/wp-content/plugins/facebook-albums/inc/facebook-sdk/facebook.php on line 49

Warning: session_start(): Cannot send session cache limiter - headers already sent (output started at /home/potenz8/public_html/index.php:1) in /home/potenz8/public_html/wp-content/plugins/facebook-albums/inc/facebook-sdk/facebook.php on line 49
Il Logo – PotenzaRugby

IL LOGO

Il CUS Potenza Rugby, a differenza delle altre realtà sportive della città, veste da sempre colori non usuali per la città, il nero ed il verde. Si sa, i colori cittadini sono il rosso e il blu, ma la palla ovale ha sposato dei colori molto significativi per il mondo del Rugby.

Per scoprire il motivo di questa insolita scelta bisogna tornare indietro nel tempo: il seme ovale nella città capoluogo, è stato seminato nell’ormai lontano 1987 quando Don Aldo Di Girolamo, allora vice-rettore dell’Istituto principe di Piemonte, storica istituzione della nostra città, ebbe l’idea di formare, con i ragazzi che frequentavano l’istituto, una squadra di Rugby. Per Don Aldo, Aquilano di origine, fu facile abbinare la passione per il Rugby all’educazione dei ragazzi, coinvolgendoli a tal punto da partecipare al campionato giovanile Campano.

Per scendere in campo però serviva una divisa ed in una regione neofita (come forse ancora oggi) per il Rugby non era certo semplice. Don Aldo allora trovò sostegno nella sua terra e rientrò a Potenza con le maglie donategli dalla gloriosa squadra dell’Aquila vincitrice, in quegli anni, del suo terzo scudetto. I primi rugbisti potentini, perciò, vestirono i colori nero e verde e con quelli in dosso presero parte a ben quattro campionati, due giovanili e due di C2.

Purtroppo però, quella splendida esperienza terminò presto per via della partenza di Don Aldo in missione evangelica in Brasile, dove è rimasto per oltre 20 anni.

Il Rugby a Potenza è ricomparso, timidamente, solo nel 2003 grazie al Centro Sportivo dell’Università che per alcuni anni è riuscito a promuovere lo sport della palla ovale all’interno dell’ateneo ed in città attirando, se pur tra mille difficoltà, la curiosità e l’attenzione di molti reduci dall’esperienza fatta con Don Aldo.

Il timido ritorno alle competizioni dei primi anni 2000 e la nascita di un nuovo gruppo di appassionati, rinfoltiti dalla gioventù universitaria e dall’esperienza di tanti fra i primi ragazzi allenati da Don Aldo ha portato alla completa rinascita del Rugby potentino avvenuta nel 2010, anno di fondazione dell’attuale società.

Con il ritorno alle attività agonistiche, bisognava decidere quali colori vestire, ma venne spontaneo unire il Leone, simbolo della nostra città, ai primi colori del Rugby potentino il Nero ed il Verde; del resto nel Rugby bisogna avanzare passando la palla in dietro, in altre parole, proiettarsi verso il futuro imparando dalle esperienze passate.

Da allora, molte sono le maglie portate in giro per i campi dai rugbysti potentini ma tutte hanno in comune i colori nero-verde e tutte portano fiere il leone sul cuore.

Come in tutte le storie a lieto fine, Don Aldo dopo tanti anni è ritornato a Potenza ed ora è Parroco della chiesa di Gesù Maestro del quartiere di Macchia Romana, proprio di fianco al campo di gioco del Potenza Rugby, che così ha ritrovato in suo primo e più grande tifoso: Don Aldo di Girolamo, gli anni passano ma le passioni restano!